Gli orari dei pasti

Sono tre i pasti principali a cui siamo abiatuati, colazione, pranzo e cena, ma in Spagna anche l' "almuerzo" e la merenda, a mezza mattinata e a metà pomeriggio, possiedono le loro peculiarità e curiosità.
Horario de las comidas - Curiosidades de valencia - Orario pasti

I commenti e le critiche riguardo gli orari dei pasti in Spagna sicuramente non mancano e coloro che non possiedono questa informazione si trovano spiazzati durante i primi giorni di visita nella città di Valencia.

I pasti principali più “almuerzo” e la merenda

Sostanzialmente sono tre i pasti principali della giornata, colazione, pranzo e cena, ma ci sono altri due appuntamenti con il cibo che sono curiosi e utili da conoscere, la pausa a mezza mattinata chiamata “almuerzo” e la merenda del pomeriggio.

In generale si fa colazione tra le 7 e le 9, come quasi tutti gl’altri stati, ma a variare sono gli orari del pranzo e della cena, infatti l’abitudine è quella di pranzare tra le 14 e le 16, e cenare dopo le 21, quando negl’altri stati si è soliti pranzare dalle 12 alle 14 e cenare prima delle 20-20:30.

Sarà aperto il ristorante?

Nella sezione dedicata all’interno di questo sito web troverete la possibilità di visualizzare quali sono i ristoranti e locali aperti, scegliendo il giorno, e il servizio: del pranzo o della cena. Inoltre, scegliendo tra le opzioni di “Restaurante con” la voce “Anche spuntino mattutino” verranno visualizzati i locali che danno un buon servizio per la pausa mattutina, “l’almuerzo”.

Parte della motivazione di queste abitudini le possiamo trovare nel cambio orario che è stato applicato durante il franchismo, infatti Franco nel 1942 decise di allineare l’orario spagnolo con quello della Germania nazista per rispettare l’alleanza che c’era tra le due dittature. Non rispettando così le caratteristiche solari della propria zona oraria, del proprio meridiano.
Per districarci dai commenti, favorevoli o contrari, collegati alla discussione riguardo i problemi nell’uso del tempo in Spagna, desideriamo riportare l’attenzione sull’organizzazione della tempistica quando si fa visita alla città di Valencia con un esempio:
Una persona non spagnola, per le sue abitudini alimentarie, alle 12 comincia già a notare qualche languorino, ma la maggior parte dei ristoranti presenti a Valencia non cominciano il servizio del pranzo prima delle ore 13.30, togliamo logicamente tutte quelle catene di ristoranti fast-food che non rientrano nella nostra mentalità gastronomica, e non aggiungiamo altro!.

Consigli

Che cosa fare? Cambio le abitudini di un intero Stato o città, o mi adatto alle abitudini e usanze locali?
Se alle ore 12 ho già un languorino ed ho una prenotazione in un ristorante alle 14.30 per mangiare una paella, devo sapere che comincerò ad assaporarla non prima delle 15, quindi quel languorino si trasformerà inevitabilmente in fame.
E qui entra in gioco “l’almuerzo”, questa pausa mattutina che possiamo farla diventare un momento gastronomico molto piacevole per aspettare l’ora del pranzo valenciano.

Esistono diverse soluzioni, dall’entrare in un bar offre tapas o panini (consigliamo di leggere l’articolo dedicato a questo argomento) o usufruire dei prodotti freschi e di gran qualità che forniscono i mercati coperti, che in ogni quartiere di Valencia possiamo trovare. Suggeriamo di leggere l’articolo dedicato ai mercati ed in particolar modo al mercato centrale.
Semplicemente: entro in un mercato coperto, compro del pane e chiedo cortesemente che mi venga tagliato per la metà. Mi giro e chiedo al commerciante che vende salumi, di mettermi all’interno del pane 100 gr di “Jamón” e qualche fetta di formaggio. Lo stomaco ci ringrazierà!

“Almuerzo” fatto con la propria spesa

Questo è un semplice esempio che abbiamo fatto, ma le possibilità sono molte, dal comprare frutta, in molte bancarelle dei mercati la troviamo già pulita e tagliata, oppure comprare un po’ di cozze, quattro gamberoni, quattro canocchie e due cannolicchi e raggiungere uno dei locali limitrofi ai mercati che mettono a disposizione la loro piastra per poterci permettere un “almuerzo” con i fiocchi. Se quest’ultimo esempio è uno dei vostri desideri, contattataci che vi sapremo ben suggerire.

Per quanto riguarda la merenda, invece è molto personale, magari per chi visita la città con i bimbi è una pausa obbligatoria, ma per molti è difficile mangiare qualcosina alle 18/19 quando si è finito di pranzare alle 16. Una tipicità mangiata durante la merenda sono i “buñuelos e los churros”, magari accompagnati da una tazza di cioccolato. Leggete l’articolo “Buñuelos e churros” per conoscere questi dolci tipici.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp